Packaging ed eco-sostenibilità: conversazione con Lorenza Zanardi per la Guida del Fulfillment di Salesupply

consigli 3 mesi ago Nessun commento

In occasione dell’uscita della versione italiana del whitepaper dedicato al “Fulfillment nell’e-commerce“ e alla crescente sensibilità ambientale, Salesupply, fornitore di servizi per l’internazionalizzazione nel campo della logistica e del servizio clienti, ha chiesto a Lorenza Zanardi, Direttore Generale di Rajapack Italia, un contributo sul ruolo del packaging in materia di eco-sostenibilità.

Riprendiamo qui l’intervista contenuta nella Guida (scaricabile qui).

Quali sono i trend emergenti nei materiali da imballaggio?

Oggi packaging vuol dire molto più che proteggere beni per le spedizioni o lo stoccaggio: l’imballaggio è una parte precisa della catena produttiva di un’impresa, che deve adattarsi ai canali di distribuzione e rafforzare l’immagine ed il potenziale commerciale di ciò che contiene.

L’imballaggio è un ottimo veicolo di informazioni: racconta in modo immediato molte notizie sul prodotto, sull’azienda e sull’origine e le proprietà del packaging stesso senza necessità di ulteriori supporti.

La personalizzazione, la scelta di imballi eco-friendly e adattabili alle esigenze degli e-commerce sono tra i principali trend del settore.

Il packaging nel tempo si è diversificato molto ed è divenuto sempre più importante il concetto di sostenibilità ed ecologia, proprio al fine di sviluppare prodotti che siano funzionali, di qualità ma anche rispettosi dell’ambiente.

L’imballaggio sostenibile va oltre la scatola?

Le possibilità oggi sono molteplici, si possono creare imballaggi con materie prime rinnovabili come il cartone o ancora con materiali riciclabili al 100%, o ancora biodegradabili senza pregiudicare la qualità del prodotto finale. Il contributo alla sostenibilità nel packaging è fondamentale visto l’utilizzo che viene fatto ogni giorno con imballaggi di ogni tipo. Nell’offerta Rajapack, infatti, abbiamo, oltre alle diverse tipologie di scatole in cartone, diversi tipi di buste in cartone, buste in plastica e sacchetti in pluriball con rispettivamente il 60% e il 50% di materia prima riciclata. E ancora sistemi di riempimento in carta 100% riciclata e 100% riciclabile. Siamo continuamente al lavoro per incoraggiare i nostri fornitori alla ricerca di prodotti innovativi ed eco-sostenibili, da inserire nella nostra offerta, e guidare i nostri clienti verso soluzioni più rispettose dell’ambiente. Inoltre, dal 2015, con Rajapack e il programma solidale “Donne & Ambiente” si può imballare in modo “eco-responsabile”, ovvero acquistando un articolo della lista prodotti “amici dell’ambiente”, sarà donato 1€ a confezione alla Fondazione RAJA-Danièle Marcovici, che sostiene ogni anno diversi progetti solidali a favore delle donne e dell’ambiente.

Come contribuiscono all’eco-sostenibilità le macchine e i sistemi di imballaggio?

Le macchine e i sistemi di imballaggio, grazie alla loro capacità di adattarsi alle necessità, hanno il grande vantaggio di ottimizzare la filiera distributiva, migliorando le performance e la produttività delle aziende che le impiegano. Grazie all’ottimizzazione dei processi di imballaggio e degli spazi di lavoro, i sistemi di riempimento, sia in carta sia con cuscinetti in plastica, rendono la packaging strategy delle aziende più efficaci, riducendo gli sprechi e impiegando solo il materiale necessario all’imballo. Ogni macchinario impiega materiale riciclabile al 100% e nel caso della carta anche compostabile e biodegradabile. Inoltre, è importante considerare che i materiali consumabili impiegati nei macchinari da riempimento sono stoccati facilmente dalle aziende, in quanto occupano poco spazio sia nei magazzini sia nel trasporto, di conseguenza hanno minore impatto ambientale.

Quali sono le opzioni di imballaggio per un reso facile e green?

Ridurre l’impatto ambientale vuol dire anche scegliere un packaging adeguato al reale utilizzo dell’oggetto che contiene e all’iter di stoccaggio e trasporto che dovrà subire. Le aziende dedicano sempre più attenzione al selezionare imballaggi più leggeri e contenuti per prodotti destinati alla vendita nei negozi fisici o alla consegna, riducendo l’ingombro del pacchetto garantendo resistenza, protezione e sicurezza antieffrazione.

Negli ultimi anni il mercato chiede imballaggi che possano essere utilizzati per i resi dei clienti, come ad esempio le buste in plastica e le scatole con la doppia banda adesiva, utilissime per essere rispedite in caso di necessità.

Inoltre, studi di settore dimostrano che, per l’80% degli italiani che comprano in rete, un packaging concepito con criteri sostenibili contribuisce a migliorare la brand reputation (studio Comieco 2017).

Da anni, il gruppo Raja si impegna in uno sviluppo sostenibile riducendo il proprio impatto ambientale e offrendo un’ampia scelta di imballaggi ecologici. Per questo motivo siamo fieri di poter affermare che oltre il 50% della nostra gamma di prodotti è eco-friendly.

Rajapack Italia può definirsi un’azienda eco-sostenibile?

Da sempre siamo molto sensibili alle tematiche ambientali, attenti alla raccolta differenziata sia in ufficio sia in magazzino, dove usiamo carrelli con batterie al litio, che sono più efficienti e hanno un minore impatto sull’ambiente, inoltre, parte del nostro parco auto aziendale è a gpl. Abbiamo ridotto la presenza di acqua in bottiglie di plastica in ufficio utilizzando pratiche borracce e le nostre vending machine erogano bevande in bicchierini di carta con palette in legno. In Rajapack, ogni impiegato è sensibilizzato e coinvolto sulle tematiche ambientali, in occasione della giornata mondiale dell’ambiente è stato somministrato un questionario per ascoltare la voce di tutti in materia di eco-responsabilità.

In questo contesto così caldo sui temi del packaging e dell’ambiente, l’eco-sostenibilità è focus strategico per il nostro Gruppo, mentre svolgiamo la nostra attività di distributore di imballaggi, ci impegniamo ad individuare nuove soluzioni innovative, che riducano l’impatto sull’ambiente.

Con lo sviluppo del canale e-commerce, abbiamo ridotto nel tempo la stampa e la spedizione dei cataloghi cartacei, anche quelli inviati al cliente dopo il primo ordine, con l’obiettivo di essere sempre più eco-friendly.

Inoltre, stiamo conducendo dei test per sostituire con plastica biodegradabile e compostabile il cellophane con cui sono avvolti i nostri cataloghi.

A partire dal mese di settembre 2019, integreremo la nostra offerta con nuovi prodotti eco-responsabili e concentreremo la nostra comunicazione sulle tematiche della eco-sostenibilità e del rispetto dell’ambiente.