Tutto quello che c’è da sapere su VerpackG, la legge tedesca sugli imballaggi

consigli 4 settimane ago Nessun commento

Conosci VerpackG, la legge tedesca sugli imballaggi?

In vigore dal 1° gennaio 2019, si rivolge a chiunque immetta sul territorio tedesco imballaggi destinati al consumatore finale o alla commercializzazione.

È fondamentale quindi conoscere la VerpackG se hai un’azienda o un’e-commerce che intrattiene rapporti commerciali con la Germania. Se i tuoi prodotti arrivano in Germania tramite un imballaggio, di qualsiasi tipo, allora questa legge ti riguarda in prima persona.

Ogni soggetto interessato è tenuto a registrarsi sul portale LUCID dell’Ufficio centrale (Zentrale Stelle Verpackungsregister), aderire al sistema duale e pagare un contributo che viene calcolato a seconda del caso specifico.

Al momento della registrazione dovrai presentare le seguenti informazioni:

  • Nome, indirizzo e contatti di riferimento
  • Indicazione di un rappresentante autorizzato
  • Codice di identificazione nazionale del produttore dei beni compreso il codice fiscale pertinente
  • Indicazione del marchio del prodotto che viene imballato e spedito
  • Dichiarazione di partecipazione ad un sistema duale
  • Dichiarazione di veridicità delle informazioni rese

In quanto rivenditore e distributore di imballaggi sul territorio italiano, RAJA Italia non è tenuta a registrarsi.
Se acquisti i nostri imballaggi ti ricordiamo che dovrai registrarti solo se la tua azienda effettua spedizioni in Germania.

Che cos’è il sistema duale?

I sistemi duali sono aziende private che si occupano della raccolta, lo smistamento e il riciclo degli imballaggi usati in Germania.

L’obbligo di registrazione presso l’Ufficio Centrale è personale e deve essere gestito in prima persona, mentre l’obbligo di partecipazione al Sistema Duale è trasferibile.

Questo vuole dire che, per adempiere all’obbligo legale di partecipazione al sistema, i produttori e/o distributori dei beni possono stipulare essi stessi un contratto con un sistema duale o incaricare un’altra parte di concludere il contratto (intermediario, terzo incaricato, ecc.).

L’obiettivo di VerpackG è quello di coinvolgere attivamente chi introduce in Germania materiali di imballaggio nel loro riciclo, riutilizzo o eliminazione.

Un’azienda italiana è tenuta ad aderire alla VerpackG se paga già il CONAI in Italia?

Sì, perché gli imballaggi che vengono esportati in Germania non sono più di competenza del CONAI perché il loro smaltimento è gestito all’estero e non più in Italia.

In quanto azienda italiana potrai però effettuare la compensazione con quanto importato ed esportato richiedendo al CONAI un rimborso del contributo ambientale, inizialmente versato loro, per gli imballaggi che sono poi stati successivamente esportati.

Quali sono le novità per VerpackG?

Questa normativa ha di recente subito e subirà degli aggiornamenti per rispondere alla crescente attenzione alla sostenibilità.

Cosa cambia?

Dal 1° luglio 2022

  • È stato modificato l’obbligo di registrazione: è necessario registrare tutti gli imballaggi, anche quelli legati trasporto e gli imballaggi riutilizzabili
  • La norma si applica anche a chi vende tramite e-commerce con l’obbligo di garantire che le merci in vendita su piattaforme elettroniche non siano vendute né tramite produttori non registrati né in imballaggi che non fanno parte di un sistema duale.

Da gennaio 2025

  • Entrerà in vigore l’utilizzo minimo di riciclato

Sarà vietata la vendita di bottiglie in PET con contenuto riciclato inferiore del 25%
Dal 1 ° gennaio 2030 la percentuale dovrà essere del 30%

Adeguarsi alla normativa è fondamentale, in primis per sostenere un’economia circolare e uno sviluppo sostenibile, ma anche per non incorrere in salate sanzioni che possono arrivare fino a 200.000€!