800 583 933

numero verde gratuito

Acquisti grandi volumi?
Preventivo rapido e gratuito
4,7/5
Valutazione clienti
2
Completa il tuo ordine da dove l‘avevi lasciato
cat

Funzionamento del progetto

img
La Fondazione RAJA-Danièle Marcovici seleziona e sostiene alcuni progetti
Scopri di più sulla Fondazione
img
RAJA ha selezionato prodotti solidali. Per ogni confezione acquistata 1€ viene donato alla Fondazione
Vedi i prodotti
img
La Fondazione versa i fondi di tutte le Fililali RAJA ai progetti selezionati
Scopri i progetti

Il nostro impegno

Fondata nel 2006 sotto il patrocinio della Fondazione RAJA-Danièle Marcovici sostiene progetti umanitari per migliorare le condizioni di vita delle donne in tutto il mondo. La Fondazione ha già sostenuto centinaia di associazioni che operano a favore di decine di milioni di donne in tutto il mondo.

Da settembre 2015, attraverso il programma “Donne & Ambiente”, lanciato congiuntamente con il Gruppo RAJA, la Fondazione finanzia progetti eco-solidali a favore delle donne e dell’ambiente.

In 7 anni:

  • Più di 2,5 milioni di euro raccolti dal Gruppo RAJA in tutta Europa;
  • Più di 70 progetti realizzati.

Grazie a questa operazione, da settembre 2021 a febbraio 2022, tutte le filiali europee del Gruppo Raja che hanno partecipato all'iniziativa (Francia, Svizzera, Belgio, Paesi Bassi, Austria, Inghilterra, Italia, Spagna, Danimarca, Svezia, Norvegia, Polonia, Repubblica Ceca, Portogallo) hanno raccolto 306.152€, permettendo di sostenere 6 progetti.

Merci, thank you, grazie !

Progetti supportati

Ogni anno la Fondazione RAJA- Danièle Marcovici sostiene 12 nuove associazioni.

Associazione Umanitaria per l'Africa

Attraverso l’uso di teloni solari, 40 donne produttrici di sale vengono formate su pratiche di produzione più eco-responsabili

In Benin, le donne dei villaggi costieri del comune di Ouidah producono sale da generazioni. Tra gennaio e aprile, il terreno paludoso si secca e diventa ideale per creare la salamoia. Tradizionalmente, le donne usano il legno di mangrovia per far bollire la salamoia finché l'acqua non evapora, per poi raccogliere il sale. Questo passaggio è particolarmente dannoso per la loro salute a causa dei fumi che si liberano e che minacciano la biodiversità della regione a causa del taglio intensivo delle mangrovie. Per preservare le sponde del fiume, le autorità beninesi hanno vietato il taglio delle mangrovie, incidendo così sul lavoro dei produttori di sale, che hanno interrotto la loro attività o hanno scelto di procurarsi il legno da altri villaggi. L'Associazione Umanitaria per l'Africa (AHPA), particolarmente impegnata in questa regione del Benin, ha voluto aiutare questi produttori di sale a cambiare le loro pratiche di produzione per renderle più rispettose dell'ambiente, utilizzando pannelli solari per far evaporare l'acqua salata. Un primo esperimento in questo settore ebbe luogo nel 2002, ma non riuscì a convincere i produttori di sale. In collaborazione con la CRIPADD, una ONG del Benin, e l'Associazione degli stagni e delle paludi dell'le de Ré (AEMA), esperta nella coltivazione del sale, l'AHPA ha rilanciato l'esperimento con primi risultati incoraggianti coinvolgendo una decina di donne, prima di estenderlo ad altre donne coltivatrici di sale. La tecnica utilizzata tutela maggiormente la loro salute e la biodiversità.

Agronomi e Veterinari senza Frontiere

Rafforzare le capacità di leadership delle donne indigene e dei piccoli agricoltori, conducendo a loro volta sostegno politico in difesa dei Páramos; terreni di alta quota con funzioni ecologiche vitali per la produzione.

Nel 2008, l’Ecuador è diventato il primo paese al mondo a riconoscere i diritti della natura nella propria costituzione. Questa decisione ha dato loro il massimo grado di protezione riconosciuto dalla legge ecuadoriana. Nella pratica, però, questi diritti non vengono rispettati. Il popolo Kichwa si oppone alle attività umane che distruggono la sua terra attraverso l'estrazione economica: deforestazione, agricoltura espansionistica, attività mineraria, centrali idroelettriche, ecc. Questa popolazione indigena vive a più di 3.000 metri di altitudine nella Sierra (Ande) nel cuore dei Páramos; un ecosistema con funzioni ecologiche vitali. Sono sia una fonte di acqua dolce che un deposito di carbonio. Per sostenere la difesa dei diritti dei Páramos, Agronomi e Veterinari Senza Frontiere (AVSF) ha unito le forze con ECUARUNARI, la confederazione del popolo Kichwa dell'Ecuador, per rafforzare il movimento indigeno nella comunità della Sierra. Uno degli obiettivi di questa collaborazione è rafforzare le capacità di leadership delle donne indigene e rurali al fine di svolgere attività di advocacy politica locale e nazionale. La scuola Dolores Cacuango, fondata negli anni '90 e chiusa nel 2010 per mancanza di fondi, sarà ristrutturata per accogliere un gruppo di donne nel 2023. La scuola porta il nome di un'influente leader donna indigena, riconosciuta come pioniere nella lotta per i diritti degli indigeni in Ecuador.

CARE France

Aiutare le donne coltivatrici di caffè a sviluppare pratiche più rispettose dell’ambiente e a rafforzare la loro leadership.

Il caffè è uno dei beni più consumati al mondo: si stima che 25 milioni di persone nel mondo lo coltivino, molti dei quali sono piccoli produttori. Il Laos è il terzo produttore di caffè nel Sud-Est asiatico e dà lavoro a 40.000 famiglie, dai grandi commercianti e produttori di caffè ai piccoli proprietari di piantagioni commerciali. Il riscaldamento globale sta avendo un grave impatto sull'agricoltura e sull'economia del paese (siccità, inondazioni, smottamenti). CARE France e CARE Laos lavorano in 10 villaggi nella regione di Dakcheung per aiutare i coltivatori di caffè a sviluppare un'industria sostenibile a basso impatto ambientale. Il focus del loro lavoro è sull’emancipazione delle donne, che costituiscono più della metà degli agricoltori; eppure sono assenti dai circoli decisionali, hanno meno accesso alle opportunità di formazione e hanno redditi più bassi. Sono meno alfabetizzati e quindi non gestiscono né le vendite né l'amministrazione. Il progetto mira a rafforzare il ruolo e la leadership delle donne nei gruppi di produttori di caffè, aumentare la consapevolezza della comunità sulle questioni di genere e climatiche e fare pressione per l’inclusione delle considerazioni di genere nella strategia del caffè del Laos. La Fondazione RAJA Danièle Marcovici contribuisce con 25.000 euro al cofinanziamento del progetto per un anno (2024).

Calzini di solidarietà

Offrire laboratori di progettazione di abbigliamento per donne svantaggiate utilizzando calzini riciclati nell'ambito di eventi che coinvolgono aziende e scuole.

Da 12 anni, nel quartiere Goutte d'Or di Parigi, l'associazione Chaussettes Solidaires propone alle donne in situazione precaria, in particolare a quelle che vivono nei centri di accoglienza di emergenza, laboratori per creare abiti a partire dai calzini raccolti nell'ambito di eventi che coinvolgono imprese e scuole. Molte di queste donne hanno espresso il desiderio di imparare il mestiere del cucito, per aiutarle a uscire definitivamente dalla loro situazione precaria. Le opportunità di formazione esistono già sul mercato, ma spesso sono scaglionate su un lungo periodo di tempo (una volta alla settimana, ad esempio), o non sono adatte a questo tipo di pubblico (mancanza di seguito e sostegno per queste persone in difficoltà ). Per venire incontro alle loro esigenze, l'associazione sta organizzando corsi brevi (6 mesi) che permettano alle donne di acquisire competenze tecniche e familiarizzare con i codici e i comportamenti previsti nel mercato del lavoro.

Elettricisti senza frontiere

Promuovere l’indipendenza delle donne imprenditrici attraverso lo sviluppo di una nuova attività generatrice di reddito: la vendita di un sistema solare di pompaggio dell’acqua per gli agricoltori.

In Nepal, durante la stagione secca (da novembre a marzo), gli agricoltori hanno difficoltà a irrigare i campi. Le soluzioni ci sono, come le pompe termiche, ma consumano molta energia e inquinano enormemente. Altri, più manuali, comportano un vincolo aggiuntivo per le donne contadine, poiché sono loro che attingono l’acqua. Elettricisti Senza Frontiere vuole creare una soluzione di pompaggio solare più accessibile in modo che gli agricoltori possano produrre in modo più pulito. I sistemi di irrigazione saranno distribuiti dall'organizzazione partner locale Kalpavriksha (KGG), che gestisce una rete di "donne imprenditrici" (conosciute come Suryamukhis) per la distribuzione di prodotti per l'igiene e attrezzature domestiche nelle zone rurali. Il progetto mira, inoltre, a dare potere a queste donne imprenditrici formandole nella vendita di tecnologie rinnovabili, un settore in crescita attraente. Le donne nepalesi si trovano ad affrontare notevoli disuguaglianze. Possiedono raramente terreni agricoli, hanno un tasso di alfabetizzazione inferiore a quello degli uomini e un minore accesso alla formazione.

GreenNKool

Migliorare la partecipazione delle organizzazioni femminili nella tutela dell'ambiente combattendo al tempo stesso la violenza di genere

Il Madagascar è al decimo posto tra i paesi più vulnerabili ai cambiamenti climatici. Con un aumento medio della temperatura di 0,7°C dal 1960, il paese ha sperimentato siccità prolungate, cicloni frequenti e precipitazioni irregolari. Circa il 90% della popolazione dipende direttamente dall’agricoltura, esponendo milioni di persone all’insicurezza alimentare. Inoltre, la massiccia deforestazione sta esacerbando gli effetti del cambiamento climatico, con una perdita di oltre il 40% della copertura forestale tra il 1950 e il 2010. Il progetto si svolge ad Ambovombe nella regione di Androy, una delle più povere (il 91% della popolazione vive al di sotto della soglia di povertà) e la più arida (più di 2 milioni di persone sono minacciate dalla fame a causa della siccità) del Paese. L'organizzazione GreenNkool mira ad aumentare il coinvolgimento delle organizzazioni della società civile guidate da donne nella protezione dell'ambiente e nella lotta alla violenza di genere. Ciò sarà raggiunto attraverso la creazione di un laboratorio di ricerca a bassa tecnologia per la desalinizzazione dell’acqua e la produzione di spirulina, e la creazione di un arboreto resiliente gestito da associazioni di donne.

Habitat-Cité

Promuovere la sicurezza alimentare per le famiglie rurali consentendo alle donne di creare la propria foresta commestibile di alberi da frutto e arbusti.

Nella Vallée de Jacmel et Bainet, una regione montuosa e inaccessibile nel sud-est di Haiti, gli abitanti vivono principalmente di agricoltura, allevamento e artigianato. A causa della siccità, della deforestazione e dei disastri naturali, le comunità rurali si trovano ad affrontare numerose difficoltà che incidono sui raccolti e sulle condizioni di vita. In risposta a questi problemi, Habitat-Cité e il suo partner OJUCAH hanno lanciato un progetto per la creazione di foreste commestibili da parte delle donne locali per combattere la deforestazione e diversificare le colture alimentari. L'obiettivo è creare un ecosistema forestale in cui crescano insieme alberi, piante rampicanti, ortaggi, alberi da frutto e piante officinali. Quattro donne in particolare vengono supportate da OJUCAH attraverso formazione e guida personalizzata nella creazione di foreste commestibili, in modo che possano poi trasmettere le loro conoscenze ad altre donne nella loro comunità. Sono inoltre previste attività rivolte alle ragazze per sensibilizzarle sulle tematiche ambientali e di genere.

Indi Energie Solidali

Migliorare la resilienza delle donne ai cambiamenti climatici offrendo loro soluzioni pratiche ed eco-responsabili per le loro attività generatrici di reddito.

Atacora, nel Benin, è un dipartimento rurale con una popolazione particolarmente povera e vulnerabile. Le attività agricole sono svolte dalle donne, che trasformano la frutta o la verdura in un prodotto commerciabile (farina di manioca, farina di mais, mango essiccato, lavorazione della soia, ecc.). Le tecniche di lavorazione non sono ottimizzate, il che significa che la produzione va perduta. Inoltre, la zona è minacciata da una forte deforestazione, di cui le donne sono le prime vittime, poiché sono loro che percorrono molti chilometri ogni settimana per raccogliere la legna. Le attrezzature per cucinare utilizzate nelle famiglie o per attività generatrici di reddito consumano molta legna e sono dannose per la salute delle donne. Le risorse di legno stanno diminuendo, costringendo le donne a viaggiare più lontano per raccogliere legna. Inti Energies Solidaire, associazione specializzata in cucina ecologica, vuole offrire soluzioni concrete ed eco-responsabili alle donne dell'Atacora per aiutarle ad adattarsi ai cambiamenti climatici e migliorare le loro condizioni di vita. Con l'aiuto dell'associazione locale Eco-Bénin, svilupperanno e promuoveranno una soluzione di cucina ecologica per le donne e le loro famiglie. Accompagnate dalla Rete Giovani per la Green Economy, lavoreranno con gruppi di donne per ottimizzare le loro attività di trattamento. Inti Energies Solidaires sarà a sua volta sostenuta dall'associazione francese Support and Solidarity Group per garantire che il genere sia preso in considerazione durante tutto il ciclo di vita del progetto.

La volta Nubiana

Costruire spazi di stoccaggio utilizzando volte nubiane, una tecnica ancestrale che utilizza solo materiali disponibili localmente e consente la costruzione di case dignitose, economiche e resilienti nel Sahel, per le donne coltivatrici di cipolla e scalogno.

Il settore agricolo è una componente importante dell'economia del Burkina Faso. Contribuisce al 35% del PIL del paese e impiega l'82% della popolazione attiva. Più della metà della produzione agricola dipende dalle donne, anche se possiedono solo l’8% della terra. Il cambiamento climatico sta avendo un impatto negativo sulle condizioni di lavoro e sui metodi di produzione degli agricoltori. La mancanza di infrastrutture adeguate per garantire la corretta conservazione dei raccolti sta esacerbando queste difficoltà e aggravando la situazione precaria delle persone che lavorano in questo settore. Ciò è particolarmente vero per il settore delle cipolle e dello scalogno, essenziale nel Sahel. In risposta a questa situazione, l'Associazione Voûte Nubienne (AVN), in collaborazione con la Federazione nazionale dei gruppi Naam (FNGN), sosterrà un gruppo di donne coltivatrici di cipolle e scalogno costruendo una struttura di stoccaggio in un caveau nubiano. Questa tecnica, che ha più di 3.000 anni, consente di costruire edifici al 100% con terra cruda, un materiale ampiamente disponibile a livello locale e che non ha alcun impatto sul carbonio, sostituendo i tetti di lamiera importati con tetti a volta realizzati con mattoni di terra cruda. Lo spessore delle pareti in terra battuta attenua ampiamente le variazioni di temperatura all'interno dell'edificio, garantendo una migliore conservazione dei raccolti, condizioni di lavoro più confortevoli e una migliore protezione dagli agenti atmosferici, a differenza dei tetti in lamiera che spesso vengono divelti dai forti venti. Poiché questi edifici sono privi di legname, nessun albero viene abbattuto, contribuendo così a preservare la copertura forestale. Le caratteristiche della tecnica della Volta Nubiana la rendono una soluzione particolarmente adatta alle sfide ambientali e climatiche di questa regione. AVN e FNGN lavoreranno anche con donne leader e rappresentanti di gruppi di donne produttrici per definire e portare avanti un sostegno nazionale e internazionale per garantire che la voce delle donne saheliane sia ascoltata sulle questioni dell'adattamento e del diritto a un alloggio dignitoso per tutti.

Obiettivo Francia-India

Rafforzare le capacità e l’autonomia delle donne nel settore agricolo per garantire la loro indipendenza finanziaria e la sicurezza alimentare.

Nelle zone rurali dello stato del Tamil Nadu (India meridionale), i cambiamenti climatici (siccità, degrado del suolo) e l’isolamento economico della regione stanno portando ad una situazione precaria la popolazione, in particolare le donne, poco qualificate e discriminate per il loro genere. Con il suo partner, la ONG Gramium, che lavora il più vicino possibile ai bisogni della comunità, l'associazione Objectif France-Inde (OFI) sostiene la creazione di gruppi di auto-aiuto (JLG: Joint Liability Groups) per le donne che vivono al di sotto la soglia di povertà. Attraverso questo progetto, OFI e Gramium rafforzeranno la capacità e l’autonomia delle donne contadine della regione per garantire la loro indipendenza finanziaria ottenendo microcrediti sovvenzionati dal governo, nonché la loro emancipazione personale e sociale e la sicurezza alimentare. Già realizzato con la ONG SEVAI, questo progetto è la duplicazione di un programma in corso da oltre 20 anni a favore delle popolazioni rurali (175.000 donne sottratte alla povertà).

Rejoué

Promuovere l’integrazione sociale e professionale delle donne che hanno perso il lavoro formandole nel riciclo dei giocattoli.

Rejoué nasce nel 2010 come centro per l'integrazione e il riciclo dei giocattoli usati. Aiuta a integrare le persone lontane dal mondo del lavoro, di cui oltre il 60% donne, riutilizzando giocattoli nel suo laboratorio di Vitry-sur-Seine (94) e rivendendoli a prezzi equi in 2 negozi della regione parigina a privati e professionisti dell'infanzia. Dal 1° gennaio 2022 è in vigore la legge AGEC (antispreco per un’economia circolare) che crea un canale EPR (Responsabilità Estesa del Produttore) per i giocattoli. Gli obiettivi principali di questo nuovo settore sono lo sviluppo del riutilizzo dei giocattoli, nuovi canali di raccolta e riciclo. In linea con questa legge e per affrontare al meglio le sfide del settore, Rejoué vuole cambiare scala aumentando la sua capacità di stoccaggio, le sue capacità logistiche e sviluppando le sue vendite. Questi sviluppi andranno a beneficio dei dipendenti che seguono programmi di integrazione sociale, dando loro una maggiore occupabilità e indipendenza finanziaria. Il suo piano d'azione per i prossimi 3 anni è quello di integrare la scoperta delle professioni digitali e logistiche nelle attività del progetto di integrazione, nonché di garantire la carriera dei dipendenti creando un laboratorio sostenibile che ottimizzerà l'attività di raccolta e rivendita più giocattoli.

Univers-Sel

Formare le donne produttrici di sale nella coltivazione del sale solare, una tecnica più rispettosa dell'ambiente

In Guinea-Bissau, le donne che producono sale raschiano la terra salata e poi la filtrano con acqua per ottenere la "salamoia", acqua satura di sale, che poi fanno bollire su un fuoco di legno di mangrovia per raccogliere il sale. Questo processo consuma molto legno ed è fonte di massiccia deforestazione: occorrono 3 tonnellate di legno per produrre 1 tonnellata di sale. Questa tecnica è dannosa anche per la salute delle donne che inalano i fumi tutto il giorno. In risposta, l'associazione Univers-Sel, in collaborazione con i produttori locali e i salinari di Guérande, ha sviluppato una tecnica di produzione più rispettosa dell'ambiente: la coltivazione del sale solare. La salamoia viene versata su teloni di plastica e l'azione del vento e del sole fa evaporare l'acqua e cristallizzare il sale. Univers-Sel utilizza questa tecnica in Guinea-Bissau, nella regione di Oio, dal 2016. Nelle prime 2 fasi di 3 anni ciascuna, sostenute dalla fondazione, 48 donne produttrici di 38 villaggi sono state formate nella produzione di sale solare, e hanno trasmesso le loro competenze a 1.500 donne. Nel 2019 questo progetto ha ricevuto il premio Gender and Climate Solutions del WECF. Durante questa nuova fase triennale (2023-2025), Univers-Sel spera di fornire un supporto più approfondito alle donne produttrici già formate, diffondere la tecnica in altri villaggi, rafforzare la rete di vendita di teloni e sviluppare la commercializzazione di sale.

Progetti supportati nel 2023 grazie al programma d’azione “Donne e Ambiente”

Scopri le azioni realizzate grazie al tuo supporto.

LAAFI France

Formare le donne vulnerabili in permacultura e agroecologia per sviluppare attività generatrici di reddito

  • 20 donne vulnerabili vengono formate in permacultura e agroecologia
  • Un'area naturale di 1,5 ettari è protetta grazie a pratiche agricole sostenibili che rispettano l'ecosistema
  • 20 insegnanti vengono sensibilizzati e formati sui concetti di alimentazione e dieta equilibrata
  • A 3 scuole vengono forniti pasti di qualità, a base di verdure fresche, locali e biologiche
Visita il sito dell'associazione

Emmaüs France

Riportare le donne vulnerabili al lavoro riciclando e trasformando i tessili

  • 9 strutture del movimento Emmaus si sono lanciate in questa nuova attività, creando ciascuna un marchio, un laboratorio di produzione e una prima collezione
  • Ispirate dal collettivo, nuove attività di upcycling si sono unite spontaneamente al movimento (la comunità Emmaüs Chambéry, l'associazione Emmaüs Agir, la comunità Emmaüs Saint-Omer, tra le altre), consentendo di sostenere le donne più vulnerabili.
Visita il sito dell'associazione

GERES

Sostenere la creazione di un’industria di forni sostenibile per le donne

  • Sviluppo dell’imprenditorialità femminile, in particolare attraverso la creazione di una rete di vendita di forni a marchio FaranEco, sostenuta da 13 donne provenienti dai quartieri vulnerabili della Grande Casablanca.
  • 4 di queste donne hanno venduto un forno o una stufa FaranEco e hanno ricevuto provvigioni (che migliorano il loro reddito).
Visita il sito dell'associazione

GRET

Migliorare le condizioni di vita e l’emancipazione economica di 240 donne appartenenti a minoranze etniche, garantendo al tempo stesso un ambiente forestale sostenibile

  • Creazione di un gruppo di consultazione tra villaggi per coordinare le attività di protezione delle foreste e di sostegno al sostentamento nella riserva naturale
  • Diversificazione del reddito delle donne attraverso il turismo e l’agricoltura responsabili.
Visita il sito dell'associazione

EKO !

Formare le donne rifugiate su soluzioni tecniche semplici ed ecocompatibili

  • 10 donne hanno trovato lavoro nel recupero e nella preservazione della biodiversità del giardino botanico di Camayenne
  • 35 donne sono state sensibilizzate sulla preservazione della biodiversità e delle foreste
Visita il sito dell'associazione

Médecins du Monde France

Formare le donne ortolane a pratiche agroecologiche più rispettose dell’ambiente e meno dannose per la salute.

  • 28 organizzatori, rappresentanti delle associazioni degli orticoltori, sono stati formati per gestire una scuola sul campo e introdurre la produzione vegetale sostenibile
  • A loro volta, i 28 facilitatori hanno fornito formazione a 200 orticoltori che hanno beneficiato del programma.
  • 2 centri sanitari sono attualmente in fase di ristrutturazione per fornire attrezzature mediche e medicinali per curare i pazienti.
Visita il sito dell'associazione

Forestever

Contribuire a migliorare gli appezzamenti agricoli delle donne indigene piantando alberi da frutto, palme e piante medicinali.

  • Hanno beneficiato del progetto 175 donne e bambini. 110 di loro hanno preso parte a gruppi di discussione su genere e ambiente.
  • Sono stati rinnovati 3 vivai e le donne hanno organizzato 3 spedizioni per la raccolta dei semi.
  • Ciascun beneficiario ha piantato 150 alberi.
Visita il sito dell'associazione

Elevage Sans Frontières

Dare maggiore autorevolezza alle donne allevatrici di capre e pecore rafforzando le loro competenze e sostenendo il loro raggruppamento in cooperative.

  • 148 donne sono state formate come allevatrici e riceveranno una capra o una pecora.
  • 12 donne hanno imparato le basi delle cure veterinarie
  • È stata creata una cooperativa per la vendita dei prodotti.
Visita il sito dell'associazione

Gbobètô

Sviluppare un’alternativa ecologica, sana ed economica al carbone coinvolgendo le donne lungo tutta la filiera (produttori, consumatori, rivenditori).

  • Ogni giorno vengono prodotte 2.000 bricchette di biocarburante
  • 3 gruppi di donne contadine sono state supportate nella fornitura delle materie prime agricole necessarie per produrre bricchette.
  • 6 ceramiste sono state formate nella produzione del nuovo piano cottura
Visita il sito dell'associazione

Rural Development

Promuovere l’inserimento professionale delle donne vulnerabili attraverso la produzione e distribuzione di frutta cruda e trasformata.

  • 8 donne sono state supportate nelle loro attività di integrazione
  • Sono state riciclate 3 tonnellate di frutta
Visita il sito dell'associazione

WECF France

Sostenere le donne dei quartieri svantaggiati nell'organizzazione delle loro associazioni di riciclaggio dei rifiuti

  • 4 associazioni di riciclaggio, gestite da donne, sono supportate nella loro formalizzazione.
  • Le donne riciclatrici delle 4 associazioni vengono formate per difendere i propri diritti e vedere rafforzato il loro posto nella catena del valore del riciclo.
Visita il sito dell'associazione

SOL, Réseau CIVAM et FADEAR

Sostenere le donne contadine impegnate nell’agroecologia

  • 7 donne sono state sostenute nell'ambito di un programma di tutoraggio per agricoltori
  • 22 donne agricoltrici hanno preso parte a corsi di formazione e gruppi di lavoro dedicati allo stesso sesso per discutere le proprie difficoltà e condividere le migliori pratiche.
  • Sono stati organizzati numerosi eventi di sensibilizzazione sull'inserimento delle donne in agricoltura sia per gli uomini che per le donne agricoltrici.
  • È attualmente in fase di pianificazione un progetto di ricerca-azione sul ruolo delle donne nella transizione agroecologica.
Visita la web de la asociación (SOL) Visita la web de la asociación (Réseau CIVAM) Visita la web de la asociación (FADEAR)